«La profezia può invece essere un orizzonte storico, un traguardo». Così scriveva Fortini nell’Introduzione alla sua memorabile antologia intitolata, et pour cause, Profezie e realtà del nostro secolo – titolo che è già da solo un esaustivo compendio ideologico e politico, e nel quale si può apprezzare l’uso del plurale, quasi a voler indicare fin da subito il carattere aperto, laico e non dogmatico della profezia fortiniana.

Continua a leggere