notizie

Dieci inverni
1947-1957
Contributi ad un discorso socialista

Segnaliamo ai nostri lettori l’uscita del volume di Franco Fortini Dieci inverni. 1947-1957. Contributi ad un discorso socialista, a cura di Sabatino Peluso, con un saggio di Matteo Marchesini, Macerata, Quodlibet, 2018.

Fortini, Dieci inverni web
In quegli anni gli inverni furono o mi parvero molto lunghi. Uscivo di prima mattina su di un terrazzo, fra i tetti coperti di neve, a prender carbone per la stufa; e altro quando veniva buio. Rimanevo a guardare come il metallo si arroventava. Dalla finestra, vedevo tetti, cortili, fumi, di una Milano vecchia, semidistrutta; poi, nuova. Erano inverni profondi, faticosi. Le rovine che avevamo intorno come l’allegoria di un riscatto possibile spariva per dar luogo ad una città opulenta e meschina. Spariva l’Italia popolare e orgogliosa delle sue piaghe che un tempo aveva scoperto e amato se stessa fra resistenza e dopoguerra; o, se dal sud ne venivano voci e le grida, con le notizie degli eccidi, sembrava intollerabile e inguaribile come il nostro passato; e un’altra Italia veniva avanti, avviluppata nel cinismo di settimanali, bruciata dalla speculazione, coperta di manifesti, piena di colore e di stanchezza coloniale; fatta con la nostra stessa vita, e, come un figlio, irriconoscibile. Eppure bisognava impararne l’avvenire. Volevamo sperare di decifrarvi i destini personali e generali. Perché il mondo, come dice Schlegel, è e rimane la nostra unica spiegazione.

«Letterato per i politici, ideologo per i letterati», com’ebbe a definirsi, Franco Fortini in questo libro pubblicato per la prima volta nel 1957 è già il saggista eclettico e rigoroso e il critico affilatissimo destinato a influenzare più di una generazione e a lasciare un’impronta indelebile nella seconda metà del Novecento. La generazione del ’68 incontrò in Dieci inverni alcuni dei suoi temi privilegiati, come il rifiuto dello stalinismo (ma anche del progressismo), la denuncia dei ritardi della cultura della sinistra ortodossa, l’analisi della nascente industria culturale e della funzione della critica in essa; ma è l’ostinata determinazione a non disgiungere la dimensione etica da quella politica che segna ogni pagina del libro – «uno dei tanti che almeno dall’età giacobina hanno in Europa chiamato a resistenza e rigore (o si dica alle virtù civili)» – a definire la cifra distintiva e più durevole dell’intera opera fortiniana.

Non è lavoro, è sfruttamento

Sala Storica della Biblioteca Comunale degli Intronati
via della Sapienza 5 – SIENA

giovedì 11 gennaio 2018, ore 17.30

Presentazione del libro di Marta Fana

Non è lavoro, è sfruttamento

introducono Luciano Borghi e Giovanna Giorgetti
intervengono Alberto Prunetti e Marta Fana
coordina Giulia Romanin Jacur

Scarica la locandina

Teoria&Poesia. Un dialogo fra critici e poeti
a cura di Paolo Giovannetti e Andrea Inglese

Libreria Claudiana
via Francesco Sforza 12a, MILANO

sabato 16 settembre 2017

 

Questo incontro nasce come ideale proseguimento della riflessione avviata in un numero recente de «il verri» (n. 61, 2016) dedicato a “Teoria e poesia”. In particolare, ci è sembrato denso di spunti importanti un lungo articolo di Paolo Giovannetti intitolato Dopo ‘il testo poetico’. I molti vuoti della teoria. Continua la lettura

L’esperienza della musica
a cura di Marco Gatto e Luca Lenzini

cop ospite2017-bis-001 - CopiaIl numero monografico dell’«Ospite ingrato», la rivista del Centro Interdipartimentale Franco Fortini dell’Università di Siena, di prossima pubblicazione, è dedicato interamente alla «più utopica di tutte le arti» (Ernst Bloch): la musica. Musicologi di fama, filosofi, critici, scrittori e musicisti propongono riflessioni e studi tanto su aspetti generali dell’esperienza musicale nel nostro tempo (Napolitano, Guanti, Fronzi), quanto su autori, compositori e interpreti di particolare rilievo: da Beethoven e Brahms, a Berio, Vogel, Markevitch, Manzoni. Sono quindi riproposti e indagati lettori di eccezione come Wittgenstein, Rosenzweig, Adorno, Levi-Strauss, Guyotat, e ad essi si affiancano con interviste e contributi originali operatori della scena musicale contemporanea. Integra il numero una sezione dedicata a Valentino Bucchi e Franco Fortini, un’amicizia nel nome della musica.

Attraverso Fortini
poesia educazione mondo

Università degli Studi Roma Tre – Dipartimento di Scienze della Formazione
via Milazzo 11B (stazione Termini) – ROMA

Martedì 9 maggio – ore 9.30-18.00

Aula Volpi

Attraverso Fortini. Poesia educazione mondo

Giornata di studio sul poeta e saggista Franco Fortini
in occasione del centenario della nascita (1917-2017)

Presiede e introduce Donatello Santarone.

Intervengono Stefano Carrai, Massimo Raffaeli, Tommaso Di Francesco, Luca Lenzini e Velio Abati.

Durante la giornata si terrà una lettura di poesie di Franco Fortini a cura di Moni Ovadia
e una proiezione del video La luce dura (1997) di Egidio Bertazzoni.

Scarica la locandina

Il (non) lavoro nella cultura italiana contemporanea
AIPI Summer School

UNIVERSITÀ DI AIX-MARSEILLE, SEDE DI AIX-EN-PROVENCE

3-5 luglio 2017

prima edizione della AIPI Summer School

tema:

Il (non) lavoro nella cultura italiana contemporanea.
Rappresentazioni del mondo del lavoro dagli anni Ottanta a oggi

dedicata alle rappresentazioni del mondo del lavoro e del precariato nella cultura italiana contemporanea.

Tutte le informazioni sono reperibili qui.

Memoria del futuro
leggere Franco Fortini a cento anni dalla sua nascita

Nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita di Franco Fortini (10.09.1917-28.11.1994) le biblioteche fiorentine propongono un programma di letture commentate dei suoi testi, distribuite nella città, volte a favorire la conoscenza diffusa dello scrittore. Il ciclo è coordinato da Vittorio Biagini in collaborazione con il Centro Studi Franco Fortini.

 

lunedì 27 febbraio – ore 16.00

Biblioteca delle Oblate, Sala Storica – via dell’Oriuolo 24, FIRENZE

nell’ambito dell’evento Perché poeti in tempo di povertà?

interviene Luca Lenzini

 

Continua la lettura

Il secolo di Franco Fortini
Conversazioni nel centenario della nascita

VARSAVIA, UNIVERSITÀ CARDINALE STEFAN WYSZYŃSKI
DIPARTIMENTO DI LINGUA E CULTURA ITALIANA

19 e 20 maggio 2017

 

Il Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana dell’Università Cardinale Stefan Wyszyński di Varsavia in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia e col patrocinio del Centro Studi Franco Fortini ha il piacere e l’onore di invitarvi al Convegno Internazionale Il secolo di Franco Fortini, che si terrà a Varsavia nei giorni 19 e 20 maggio 2017. Continua la lettura

Direi di no. Desideri di migliori libertà
Incontro con Enrico Donaggio

Centro Studi Franco Fortini per lo Studio della Tradizione Culturale del Novecento – SIENA
Unione Culturale Franco Antonicelli – TORINO
Fondazione per la Critica Sociale – FIRENZE

Martedì 29 novembre – ore 16.30

Aula H Via Fieravecchia 19 (2° piano)

Incontro con Enrico Donaggio,

autore del saggio

Direi di no. Desideri di migliori libertà

Feltrinelli, 2016

Coordinano l’incontro Rino Genovese e Luca Lenzini

Scarica la locandina

Guerra alla guerra
Bertold Brecht – Franco Fortini. Incontro su poesia e politica

ESC ATELIER – Via dei Volsci 159, Roma

Martedì 14 giugno – Ore 18.00

Guerra alla guerra

Incontro su poesia e politica, Bertold Brecht e Franco Fortini

Verranno proiettati, letti e commentati alcuni “fotoepigrammi” da L’abicì della guerra di Brechtinsieme ad altri testi del poeta tedesco tradotti da Fortini e poesie dello stesso Fortini.

Intervengono Augusto Illuminati (Libera Università Metropolitana), Virginio Massimo (Comitato Nando Iannetti), Donatello Santarone (Università Roma Tre)

Guerra alla guerra

 

Incontro sulla critica

Centro Studi Franco Fortini – Università di Siena
via Fieravecchia 19, piano II, aula H
venerdì 15 aprile 2016 – Ore 14.30

 

Qual è la funzione della critica letteraria oggi, in particolare in un paese come l’Italia che vede in generale pochissimi lettori, e in cui circa l’ottanta per cento del pubblico della narrativa è costituito da lettori-consumatori che leggono l’ultimo romanzo premiato sotto l’ombrellone? Continua la lettura

Per Sergio Finardi

Il 2 dicembre scorso è morto Sergio Finardi a Chicago, dove viveva da molti anni. Giornalista d’inchiesta e ricercatore, fondatore di TransArms, collaboratore di OPAL e autore di numerosi articoli e saggi dedicati in particolare al tema del trasporto di armamenti (tema di cui era diventato uno dei maggiori esperti mondiali e che fu oggetto della collaborazione al Centro Studi Franco Fortini: L’Armada e i suoi oppositori, «L’ospite ingrato», 2003, 2), era nato a Cremona nel 1950. Continua la lettura

Ricordare Raniero Panzieri

Il 9 ottobre 2014 è trascorso il cinquantesimo anniversario dalla morte di Raniero Panzieri. A Siena, la Biblioteca Umanistica dell’Università ha organizzato una mostra documentaria e bibliografica, grazie ai volontari del Servizio civile regionale, nell’ambito del progetto «A carte scoperte», in collaborazione con il Centro studi Franco Fortini. La mostra e’ visitabile fino al 18 ottobre 2014.
A questo indirizzo si legge l’intervento di Mariamargherita Scotti ed è ascoltabile la registrazione della presentazione fatta da Panzieri del primo numero dei «Quaderni rossi», tenutasi a Siena nel marzo 1962.

Per Vittorio Rieser

Con la morte di Vittorio Rieser (Torino, 15 febbraio 1939 – 21 maggio 2014) scompare un altro protagonista di quella feconda stagione che prese avvio a Torino nei primi anni ’60, quando ricerca teorica, inchiesta operaia e intervento politico trovarono una sintesi virtuosa intorno ai «Quaderni rossi» di Raniero Panzieri. Continua la lettura