fortiniana

«Giovanni e le mani» – «Agonìa di Natale»
Storia editoriale e riflessioni critiche
a partire dalle testimonianze d’Archivio

1.

I due titoli che caratterizzano l’unico romanzo di Franco Fortini – Agonìa di Natale, pubblicato tra «I coralli» Einaudi nel 1948, fu riedito come Giovanni e le mani nel 1972 – sono indizio di un retroscena editoriale tormentato e per certi versi contraddittorio, le cui tappe fondamentali sono documentate da una ventina di lettere della cospicua corrispondenza tra Fortini e alcuni collaboratori einaudiani (Elio Vittorini, Cesare Pavese e Italo Calvino). Perlopiù inedite e conservate presso l‘Archivio Einaudi di Torino e in numero minore presso l’Archivio della Biblioteca Umanistica dell’Università di Siena,1 le missive risalgono ai mesi tra novembre 1946 (quando il romanzo a detta dell’autore era quasi ultimato) e la vigilia della pubblicazione, gennaio 1948. Altre due testimonianze significative sono tarde (marzo 1972) e preliminari alla seconda edizione. Continua la lettura

Nuovi contributi su Fortini
un estratto di Luca Daino

A pochi mesi dalla chiusura delle ultime iniziative dedicate al centenario, proponiamo ai lettori alcuni estratti delle ultime pubblicazioni, in volume e in rivista, dedicate a Franco Fortini e uscite nel corso del 2017.

 

1. DainoLuca Daino,
La gioia di conoscere. I pareri editoriali di Franco Fortini per Mondadori

[in F. Fortini, La gioia di conoscere. I pareri editoriali di Franco Fortini per Mondadori, Milano, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, 2017]

Nulla o quasi è avvenuto per caso nell’attività intellettuale di Fortini: nessuna scelta, sia pure legata all’esigenza di sbarcare il lunario, pare scaturita da un pigro acconsentimento a se stesso. Si sa, a caratterizzare Fortini è, almeno nelle intenzioni, un risoluto autocontrollo, una tenace “verifica dei poteri” riguardante il proprio e l’altrui agire. È dentro questa prospettiva mentale e ideologica che svolge, un po’ per scelta, un po’ per forza di necessità, un’enorme mole di lavoro per l’“odiosamata” industria del libro, con la quale intrattiene relazioni alquanto schiette, a partire dagli accordi contrattuali: Continua la lettura

Intellectuals, Anti-Fascism, Critique
Revisiting the Writers’ Mandate – A Symposium

Birkbeck Institute of the Humanities and the Centre for Philosophy and Critical Thought
Goldsmiths, University of London
Room B04 – 43 Gordon Square, Bloomsbury, WC1H

Friday 25th May, 10.00 – 5.00

To mark the publication of Franco Fortini’s essay collection A Test of Powers, edited and translated by Alberto Toscano, we present a short symposium on intellectuals and anti-fascism.

Panel 1: The Crisis and Critique of Anti-Fascism: Fortini and Us
with Alberto Toscano, Geoffrey Nowell-Smith and Esther Leslie

Panel 2: Cultures of Anti-Fascism, from the 1930s to Today
with Richard Seymour, Suman Gupta and Elinor Taylor

Informazioni e Registrazione

La critica secondo Fortini

Ringraziando l’autore, ripubblichiamo qui la relazione presentata da Romano Luperini al convegno Fortini ’17, che si è tenuto all’Università di Padova l’11 e il 12 dicembre 2017 in occasione del centenario della nascita, precedentemente uscita sul blog «La letteratura e noi».

In questa introduzione non mi occuperò di Fortini critico ma della critica secondo Fortini. Su Fortini critico sono previsti in questa sezione già cinque interventi, e inoltre su questo argomento non saprei dire molto di diverso da quanto da me scritto negli anni Novanta.1 Confesso tuttavia che non mi sarebbe dispiaciuto fare autocritica su una doppia lacuna di quel lavoro: l’aver taciuto allora sull’importanza fondamentale di un saggio fortiniano di sessanta anni fa ancor oggi attualissimo, Metrica e libertà, e sul ruolo che Fortini critico ha avuto nel delineare il canone del Novecento poetico italiano. Continua la lettura

Conversazione ininterrotta
Rassegna bibliografica su Franco Fortini nel centenario della sua nascita (1917-2017)

A conclusione di un 2017 ricco di eventi organizzati in occasione del centenario della nascita di Franco Fortini, proponiamo ai nostri lettori la Rassegna bibliografica compilata da Francesca Ippoliti e apparsa sul numero 18 di «Testo e Senso».

Si fa tardi. Vi vedo, veramente
eguali a me nel vizio di passione,
con i cappotti, le carte, le luci
delle salive, i capelli già fragili,
con le parole e gli ammicchi, eccitati

e depressi, sciupati e infanti, rauchi
per la conversazione ininterrotta,
come scendete questa valle grigia,
come la tramortita erba premete
dove la via si perde ormai e la luce.

Le voci odo lontane come i fili
del tramonto tra le pietre e i cavi…
Ogni parola che mi giunge è addio.
E allento il passo e voi seguo nel cuore,
uno qua, uno là, per la discesa.

F. Fortini, Agli amici (in Poesia e errore)

 

Franco Fortini nasce a Firenze il 10 settembre 1917, a ridosso della Rivoluzione d’Ottobre. Nel 2017, ad un secolo dalla nascita del poeta, saggista e scrittore, e dal grande rivolgimento politico che ha cambiato le sorti del XX secolo, quali bilanci è possibile trarre in merito all’avanzamento degli studi fortiniani nei nostri giorni? Quale eredità riceviamo da una testimonianza artistica e intellettuale espressa in un corpus di oltre quaranta volumi?1 Continua la lettura

«La situazione è eccellente». Verifica dei poteri e noi
Una prefazione inedita di Fortini

Los Poderes Culturales web

 

Nel 1970 esce in Venezuela la prima traduzione in lingua straniera di Verifica dei poteri. È però già nel 1966, a un anno dalla prima edizione italiana, che Fortini (grazie alla mediazione di Alberto Filippi) entra in contatto con Rafael Di Prisco, studioso di letteratura dell’Università di Caracas interessato al lavoro di traduzione, con cui inizia uno scambio epistolare per discutere alcune modifiche da apportare al libro. Continua la lettura

Memoria del futuro
Video

Qui il video della lettura Memoria del futuro. Leggere Franco Fortini a cento anni dalla nascita. I luoghi fiorentini, tenutasi nell’ambito del Festival Internazionale di Poesia Voci lontane, voci sorelle. Firenze, Cimitero degli Inglesi, 12 settembre 2017. Continua la lettura

Una voce fuori campo
Ancora a proposito di Fortini e Sereni

Nel 2013, anno del centenario della nascita di Vittorio Sereni, ebbi occasione di rileggere il carteggio tra Fortini e Sereni,1 ripercorrendo le varie fasi di un rapporto durato quasi quarant’anni, tra alti e bassi, entusiasmi e mugugni, silenzi, lettere torrenziali e epigrammi. A conclusione di quella lettura citai una poesia di Questo muro (1973) che s’intitola A Vittorio Sereni e fa parte della sezione Versi a un destinatario: mi parve una specie di sigillo a quella bellissima e sofferta amicizia, ma anche una sintesi che parlava delle rispettive opere. Continua la lettura

Guerra alla guerra: Brecht e Fortini

Ho visto piegarsi un iracheno carbonizzato
verso me attraverso il parabrezza schiantato,

col tergicristallo che pare una penna
pronta a scrivere pensieri per la Terra,

col tergicristallo che pare uno strumento
che egli afferra per fare testamento.

I saw the charred Iraqi lean
towards me from bomb-blasted screen,

his windscreen wiper like a pen
ready to write down thoughts for men,

his wind screen wiper like a quill
he’s reaching for to make his will.1

Sono le prime tre strofe di 92 del poemetto di 184 versi in tetrapodie giambiche2 a rima baciata A Cold Coming – Un freddo venire, del poeta britannico Tony Harrison. Nato nel 1937 a Leeds, città industriale dello Yorkshire, da una famiglia della working class (il padre era fornaio), studia i classici greci e latini presso l’Università di Leeds e si immerge nella grande tradizione letteraria inglese (da Blake a Shelley, da Keats a Yeats). Continua la lettura

Le figure di Panzieri
Lettura di «Sul primo numero di “Quaderni rossi”»
[«Paesaggio con serpente», 1984]

L’esperienza dei Quaderni rossi rappresenta una tappa centrale nello sviluppo del movimento operaio italiano: i sei numeri, usciti fra 1961 e 1965, forniscono le basi per un’interpretazione rinnovata del panorama nazionale, mutato in seguito al picco di crescita degli ultimi anni Cinquanta e al conseguente ‘ammodernamento’ di apparato produttivo industriale e relazioni lavorative. Continua la lettura

Tra le poesie “scartate” di Franco Fortini

Tutti i testi qui riportati sono conservati presso l’Archivio Franco Fortini dell’Università di Siena nella “scatola XXX”, dove è raggruppata la maggior parte dei numerosi inediti fortiniani – siamo nell’ordine di alcune centinaia – sotto l’etichetta autoriale di Poesie rifiutate. Ne presentiamo qui una piccola selezione, arbitraria ma non casuale, in quanto connessa alle attività di ricerca del curatore (riguardanti la questione della temporalità). Nella “scatola XXX” è possibile trovare molti testi stampati dal Pc Macintosh che il poeta usava negli ultimi anni di vita, ma anche manoscritti e dattiloscritti risalenti ai decenni precedenti. Continua la lettura

Su «Un mese a Johannesburg»

FROM THE EUROPEAN SOUTH
A transdisciplinary journal of postcolonial humanities, 1, 2016, pp. 285-294.

Nella loro relazione di commensurabilità e comparabilità con gli archivi coloniali (Hamilton, Harris, e Pickover 2002), gli archivi del regime sudafricano di apartheid richiedono, tra le varie precauzioni epistemologiche, un lavoro che sappia trarre beneficio dalle indicazioni metodologiche della “multi-sited ethnography” che è stata proposta da George Marcus (1995, 2011). Continua la lettura

Lontananze

Il volume «Come ci siamo allontanati». Ragionamenti su Franco Fortini, pubblicato nel maggio 2016 dall’editore Arcipelago di Novara, è in gran parte costituito dalla rielaborazione degli interventi tenuti tra l’ottobre e il dicembre del 2014 a Milano, presso la Libreria Popolare di via Tadino, nell’ambito di un ciclo di incontri organizzati da Paolo Giovannetti in occasione del ventennale dalla morte dell’intellettuale fiorentino. A questo nucleo originale, però, sono stati aggiunti gli articoli di due giovani studiosi fortiniani, affini per argomento e per taglio ermeneutico ad alcune delle precedenti relazioni. Continua la lettura